12Feb

Perché non sono fotogenico?

(niente foto, solo autografi!)

”Sai Nino, esco male nelle foto, non sono fotogenico”
”Francesco, ho una mia teoria a riguardo”

”Dimmi, sono curioso..”

Semplice, pensi di non apparire bene nelle foto, non per il fatto che non vieni oggettivamente bene, ma perché non ti piaci veramente e la foto ti riporta alla triste realtà (quella che percepisci, chiaramente).

Sei talmente insicuro del tuo aspetto che solo alcune volte riesci ad apprezzare pienamente la tua immagine. Quelle volte che ti stai specchiando, hai una bellissima espressione (ti senti proprio figo) allora prendi e ti autoscatti. Riguardi poi le foto e dici ”Ma chi è questo?!”. Cazzo, sei sempre tu, ma la tua percezione cambia dal dinamico reale al fermo statico della fotografia. Questo oscuro mistero è il motivo per il quale continuiamo a subirci miriade di ‘autoscattisti’ in cerca della loro foto perfetta (se non autoscatti, chi ti scatta?).

Quando veniamo immortalati, la staticità del nostro viso enfatizza tutte le parti meno armoniche/rovinate/attempate. Fatta eccezione per le persone con lineamenti estremamente simmetrici, dalla bellezza ‘oggettiva’ (anche se odio oggettivare qualcosa di così tanto soggettivo..) . Per inverso, in movimento, le nostre espressioni – soprattutto se siamo persone molto espressive – fanno la differenza. E poi, possiamo anche non piacerci nei caratteri somatici, ma il nostro modo di sorridere, piangere e arrabbiarci è solo nostro, pertanto stupendo.

Apprezza sempre la tua persona perché è unica e speciale, nessun altro è come te al mondo.

Non ostinarti ad assomigliare ma impegnati a distinguerti, sempre!

Sì, lo ammetto, sono molto più bello dal vivo! Ma per fortuna la bellezza era un accessorio che non mi è stato svelato di avere. Beate le persone che non si percepiscono belle, perché nella vita si sono sempre dovute dar da fare per affermare se stesse.

La bellezza è come un’eredità, ti fa comodo per vivere ma non ti realizza come essere umano.

Pensando a quanto è importante non avere ma ottenere, quando qualcuno mi dice se gioco al superenalotto io gli rispondo:

”non gioco perché se mai avessi la sfortuna di vincere nel gioco, smetterei di vincere nella vita!”

E tu, ti lamenti di non avere o lotti per ottenere?
A presto, che non sia tardi!
[pezzo consigliato dopo la lettura: The Strokes – Last Nite]

Share this Story

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2013, Tutti i diritti riservati