13Set

Perché non mi capisci Susan?

Susan una mia amica venticinquenne americana della California del sud, viene per la prima volta, l’estate scorsa, a trovarmi e visitare il nostro paese insieme a due suoi amici…

La prima tappa è Roma, passiamo in rassegna i luoghi storici più importanti della capitale, locali, negozi e parchi.

Il secondo giorno di permanenza, alla stazione Termini, gli viene sottratto il portafoglio, cosa di cui solo successivamente ci accorgiamo. Da quel momento Susan ed i suoi amici avevano associato un fatto soggettivo, quello del portafoglio alla stazione, come un qualcosa di oggettivo. Durante tutto il viaggio infatti, la povera spaventata ragazza derubata, passava il tempo guardandosi intorno allertando sempre gli amici di qualsiasi cosa.

Ora Susan ed i suoi amici sono in California e quando qualcuno gli chiede dell’Italia lei esordisce con il dire: ‘un bellissimo paese ma devi stare attento perché ti rubano in qualsiasi posto vai..’.

Questo è quello che produce la nostra mente, prende un’esperienza soggettiva, ne fa tesoro, e di colpo quella diventa la nostra realtà. Roma non è più pericolosa di nessun altra grande città, ma lo è per Susan.

Alla base dei malintesi, litigi, guerre e scontri c’è il fatto che, come dice Richard Bandler (cofondatore della Programmazione Neuro Linguistica):

la mappa non è il territorio

La realtà non è una, ma il frutto di tante interpretazioni personali di esperienze soggettive : es. ‘..ti rubano in qualsiasi posto vai’

Qualsiasi posto? Susan guarda che hanno rubato solo te alla stazione, ai tuoi amici ad esempio non è successo niente (me compreso), nonostante stessimo tutti nello stesso posto del furto. Inoltre, nei successivi 12 giorni di permanenza in Italia non è successo più niente a nessuno di voi.
Quindi perché non mi capisci Susan?

La prossima volta che vi capita di fraintendere, essere fraintesi, arrabbiarvi e litigare per un comportamento, una parola o dei pensieri, ricordate che

gli esseri umani scelgono sempre la migliore scelta che hanno a disposizione e che non la pensano diversamente da voi, hanno solo diverse informazioni o modalità di percepire le stesse

Tollera e sarai tollerato, capisci e sarai capito, amplia la tua esperienza con quella degli altri ed il mondo sarà un posto migliore.

calma

Si può fare?

Share this Story

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2013, Tutti i diritti riservati