10Apr

Le cose non succedono agli altri, succedono a tutti.

”Nino, non ci posso credere a quello che mi è successo!”
”Amico mio, le cose non succedono solo agli altri, ma succedono a tutti.”

Malattia, imprevisti, la morte.
Il successo, le opportunità, vincere.

Nella foto dell’articolo: ”Te l’avevo detto.. che non stavo tanto bene.” Questo è quanto recita l’epitaffio di mio Nonno Nino, a dimostrazione che, o ti prendi in giro o la vita se la prende con te.

Il ciclo della vita

Dico sempre che il grande difetto di molte persone è quello di ragionare da immortali. Un giorno sarò, farò, vedrò, un giorno. Parliamo e coniughiamo i verbi all’infinito, come se nessuno ci avesse mai svelato del nostro essere mortali. Certo che bisogna essere ottimisti, ma con i piedi per terra. Motivo per il quale, ringrazio la sorte di essere arrivato ai trentacinque, visto che in epoche precedenti, l’aspettativa di vita era molto inferiore.

Quindi, ipnotizzati da una vita immortale, dove le cose succedono agli altri, ci dimentichiamo del nostro essere precari in un mondo che non ti ‘assume’ a tempo indeterminato. Solo quando la morte ti passa davanti – muore un nostro affetto – puoi ricollegarti al vero significato della vita, quella vera.

Quanto cambierebbe la tua vita se qualcuno ti svelasse i giorni che hai ancora da vivere?

Cambierebbe tutto. Perché l’unica vera ricchezza, a quel punto, sarebbe il tempo (come nel film In-Time). La bella notizia è che possiamo lo stesso, senza che qualcuno ci predica il futuro, capire l’importanza che il tempo ha nella nostra vita. Motivo per il quale, dobbiamo prestare la massima attenzione a come usiamo i nostri istanti pulsanti.

Quali sono le cose che faresti se questo fosse il tuo ultimo anno di vita? Cosa diresti alle persone care? Come cambierebbe la tua visione del mondo? Cosa sarebbe veramente importante per te?

Quali sarebbero le persone che vorresti vedere e le parole che vorresti sentire dall’aldilà – presupponendo che ce ne sia uno – al tuo funerale?  Certe cose sono pesanti da dire, ma se non apri gli occhi, un giorno sbatterai la faccia contro qualcosa. Motivo per il quale mi sono rotto il naso due volte, la vita è un pugile permaloso.

Inizia da ora a dare un senso alla tua vita, questo è l’unico elisir per non morire.

La cosa più preziosa

Per la legge della scarsità – tutto quello che è scarso aumenta di valore proporzionalmente alla sua scarsità la nostra vita ed il nostro tempo sono quindi le cose più preziose, perché scarse. La consapevolezza di questo sviluppa nelle persone la capacità vera di vivere, e non solo di sopravvivere. Solo interpretando in maniera funzionale quello che ci accade, possiamo scegliere di essere felici. E visto che le cose possono accadere anche a noi, consapevoli di questo, bisogna credere e ripetersi:

tutto quello che mi accade nella vita è la migliore cosa che mai mi possa accadere

Ma non dimenticarti che per risorgere devi salire ‘strada paradiso’ – battuta nata questa mattina con i miei amici runners, in un omonimo tratto molto duro collinare – bisogna quindi morire per rinascere.

Ti auguro di salire strada paradiso, resistere e arrivare fino alla fine, in quel punto l’orizzonte è fantastico.

A presto, che non sia tardi!

[pezzo consigliato dopo la lettura]

 

Share this Story

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2018, Tutti i diritti riservati