25Set

Scegli la tua sofferenza

Sapevi di poter scegliere la tua sofferenza?

Soffrire sembra innaturale. Nessuno di noi vorrebbe mai provare del dolore, ma la sofferenza non è solo indispensabile, rappresenta un valore aggiunto.  Ogni suo passaggio ci lascia un segno, ogni segno ci rafforza, ogni forza ci protegge. E solo grazie a quella forza riusciamo a dare un senso alla nostra stessa vita. La sofferenza non accade a caso.

Niente accade a caso, solo se vivi una vita a caso.

Ma bisogna capire la strada della sofferenza, per questo, ho interrogato il mio dolore, ed il dolore mi ha risposto…

Il dolore da rispettare ed il dolore da sopportare

Ho scoperto, grazie al mio Superpotere della Consapevolezza, che ci sono due tipi di dolore che sperimentiamo nella nostra vita: il dolore da rispettare ed il dolore da sopportare.

Il dolore da rispettare sei tu a sceglierlo. La sofferenza nel raggiungimento di una performance sportiva, la lotta per la ricerca del successo, la rinuncia per qualcosa di più grande. Visto che l’hai chiamato, devi essere in grado di rispettarlo e andare oltre.

Il dolore da sopportare non lo scegli, è lui a scegliere te. Come la malattia, il distacco, la morte. Ti prende e sbatte per terra più volte, fino a quando riconosci la tua forza e ti rialzi più forte di prima. Ma anche in questo caso, sei sempre tu a scegliere la reazione a questo dolore.

Non confondere il dolore da rispettare con il dolore da sopportare. Ascolta e supera il primo, accetta e sopporta il secondo.

Scegli la sofferenza, o sarà lei a scegliere te.

Da quando ho iniziato a correre e fare le prime gare podistiche, mi sono sempre incollato alle persone più forti. Cercavo, chiedevo e supplicavo loro di allenarsi con me. E’ sempre dura confrontarti con chi è più forte di te, costa tanto sacrificio, smontare spesso l’orgoglio, ma i risultati sono incredibili.

Per inverso, non ho mai capito tutte le persone che scappano da chi ha migliori prestazioni. Limitandosi a parlare male, alludendo a scorciatoie, fortuna o caratteristiche genetiche riferite alle loro prestazioni. Ho amici che si dileguano quando mi vedono allenare, hanno paura di chi spinge sempre, hanno paura di soffrire. Approfitto ora per dire loro: se non scegli la sofferenza, sarà la sofferenza a scegliere te. Con la differenza che, a quel punto, non potrai far più nulla e accettare le cose per quello che sono.

Quando non riuscirai a vincere nemmeno una sfida, quando ti ritirerai davanti al primo ostacolo, quando lascerai fare le cose agli altri, sarà la sofferenza che non hai voluto scegliere che ti prenderà tra le sue ruvide braccia.

Si è fatto tardi, ora vado a soffrire con Pino, uno che va veramente veloce!

E tu, hai scelto la tua sofferenza?

A presto, che non sia tardi!

[pezzo consigliato dopo la lettura]
Share this Story

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2018, Tutti i diritti riservati