28Gen

Il motivo per vivere

Se anche questa mattina hai aperto i tuoi occhi, c’è un motivo. Hai sempre un motivo per vivere.

Questa mattina mi sono svegliato all’improvviso da un lungo sonno..

 

Svegliato da una notte senza tempo, in balia di un motivo per vivere.

Non ho chiesto a nessuno di arrivare qui, ne sono quasi certo. Mi hanno tagliato il cordone che mi univa con mia madre, compagna e protettrice di una venuta troppo remota alla mia attuale neurologia.

Sono piccolo, smarrito. Smanio e piango, voglio crescere.

Cresco, veloce e impavido, ma con il crescere subito mi accorgo che sto invecchiando senza un valido motivo, se non che sono carne, carne addosso ad un vegetariano. La vita che fluiva ora incomincia a mancare, in preda alla stanchezza riconosco la paura.

Ho scoperto di essere vivo, vivo perché? Mi hanno rassicurato dicendomi di non farmi troppe domande, che le cose sono così come devono essere. E come devono essere? Che qualcuno in cielo ha lavorato sei giorni ed il settimo si è rilassato. Di cosa stiamo parlando? Sarà che i miei genitori non mi raccontavano storielle per addormentarmi, ho bisogno di altro.

Ma ora, cazzo, ho un grande problema. Nonostante non ho chiesto a nessuno di venire in questo strano sistema solare, non ho ancora chiaro il motivo della mia vita, inoltre, ho appena saputo che presto dovrò morire. Ma non siamo immortali? Perché allora la gente parla all’infinito?! Per sempre cosa?

Tuttavia, la cosa più assurda e ironica, è che nella ‘migliore’ delle ipotesi, vedrò prima morire tutte le persone con cui avrò condiviso la mia esistenza, e poi mi spegnerò a mia volta. Forse questa non era la migliore delle ipotesi, perchè – in questo caso – la migliore ipotesi è sempre comunque peggiore, se vista da un punto di vista che esula l’alternativa. Blatero in cerca del mio motivo.

Allora fuggo, fuggo dalla paura ad onta di una voglia di consapevolezza, consapevole di tornare ad essere quello che non ero, a ricordare quanto non ricordo, a sperimentare quanto non fatto. Consapevole di non sapere, cerco la sapienza, rincorro il motivo, il mio motivo per vivere.

Amare, conoscere, correre fino all’ultimo respiro, urlare, arrivare sempre più avanti e sorridere guardandomi dietro.

Svegliato da una notte senza tempo, in balia di un motivo per vivere.

E tu, conosci il tuo motivo per vivere?

A presto, che non sia tardi!

[pezzo consigliato dopo la lettura]
Share this Story

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2018, Tutti i diritti riservati