5Nov

Cambiamento che tormento

Hai mai fatto caso a come incroci le braccia? Come accavalli le gambe? In quale lato del letto dormi? Posi per prima la destra o la sinistra a terra appena sveglio?

Allora, se fai tutto nello stesso identico modo, ho una buona e una brutta notizia per te..

La paura del cambiamento – un trasloco tormentato

Dopo diversi lunghi e pensierosi mesi ho finito di traslocare. Ma non perché avevo tante cose da spostare o grandi case da arredare, tutt’altro. Possiedo poche cose e vivo in piccoli spazi, alla faccia degli americani. A trasloco avvenuto, capisco solo ora la causa di tutto il tempo che ho impiegato per traslocare: la paura del cambiamento. Difficile ammetterlo.

La cosa più buffa è che vivevo in un appartamento più piccolo, mansardato, lontano dal mio lavoro, più buio, più vecchio, più.. e meno. Ero solo focalizzato sulle cose positive del posto in cui abitavo e su tutte le relative abitudini che mi ero costruito intorno a questo.

Allora si sono aperti in me un mare di sinapsi cariche di significato. Ho pensato a quando continui a vivere un rapporto per abitudine, quando non cambi lavoro per effimere sicurezze,  a quando ti ostini di andare nello stesso identico ristorante ignorando trip advisor e moltitudini di migliori alternative. Ho immaginato la strada che continui a fare da casa per il lavoro, al giorno in cui la chiudono per manutenzione, tu imprechi e mentre stai delirando, ti accorgi che la strada alternativa è adesso più veloce e panoramica.

Finalmente la buona e la brutta notizia

Premetto che adoro avere sempre una bella notizia. La bella notizia quindi, è che se tendi a ripetere le stesse azioni, come me e la maggior parte della popolazione mondiale, hai la possibilità di crearti abitudini funzionali allo scopo della tua esistenza. Presupponendo che tu abbia uno scopo, diversamente, non continuare a leggere ma focalizzati a trovarne uno di scopo, cazzo.

La brutta notizia, che in questo caso è bruttissima, consiste nel fatto che se non comprendi in tempo gli automatismi che tendi a ripetere, vivrai una vita che non avrai vissuto.

La morale, perché io ho sempre bisogno di morale, è che..

Anche quando il vento del cambiamento potrebbe rinfrescare la nostra vita e cambiarla in meglio, all’inizio, sentiamo freddo e tendiamo a chiudere una finestra che si affaccia su paesaggi sconosciuti, a volte stupendi.

E tu, apri la finestra o continui a sentire freddo?

A presto, che non sia tardi!

[pezzo consigliato dopo la lettura]
Share this Story

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2013, Tutti i diritti riservati