5Feb

Asportazione Cerebrale

(integrazione sociale) 

”Basta Nino, hai rotto i coglioni con le tue supercazzole e aspettative! Il mondo è tondo e la vita è breve, devi accettare le cose così come sono e non pensare di poter cambiare tutto e tutti…

..la Crisi, accogliere l’ignoranza, andare allo stadio, frequentare i bar, giocare d’azzardo, guardare qualche programma di Maria De Filippi, MTV, e finalmente iniziare ad omologarti a tutti gli altri! Che cazzo ti bevi il caffè americano, il caffè si chiama Espresso! Il vino lo facciamo solo in Italia e solo nel nostro paese si mangia bene e di qualità! Se continuerai così farai una brutta fine, fatti controllare..”

Alla fine mi sono deciso, mi sono fatto controllare.

Continuavo incessantemente a fare domande su domande, girare il mondo, leggere libri, fare corsi di formazione, cercare il significato delle cose, ma alla fine mi sono deciso: mi faccio un’asportazione parziale cerebrale.

Il dott. Racco Mando della Cepu University mi ha diagnosticato un eccesso di materia grigia. Informandomi su studi scientifici che correlano una maggiore fitta rete di sinapsi, relativi collegamenti neuronali superiori alla media, a gravi problemi di integrazione sociale.

Ero solo senza gli altri, ora potrò essere con gli altri solo.

Adesso potrò capire le dinamiche del grande fratello e di uomini e donnne, interessarmi al gossip e riuscire finalmente a vedere Jersey Shore.

In fondo noi esseri umani abbiamo bisogno di poco cervello per sopravvivere. Quanto tempo perso a ragionare, quanti problemi che non esistono. Se ci pensate, alla fine basta poco per vivere:
ripararsi sotto una villetta con piscina, mangiare ostriche, bere champagne e accoppiarsi con modelle dal fisico socialmente perfetto.

Spero solo che l’operazione vada a buon fine, ma questo lo saprete solo nei miei prossimi articoli.

E tu, stessi problemi di eccessiva ‘inutile’ materia grigia?

A presto, che non sia tardi!
[pezzo consigliato dopo la lettura: My Chemical Romance – Welcome To The Black Parade]

 

Share this Story

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

© Copyright 2013, Tutti i diritti riservati